Ogni giorno, nel corpo, cento miliardi di cellule, si replicano, con un costo energetico pari a un chilo di proteine, zuccheri, acidi grassi e nucleici, parte di noi di cui ogni giorno ci nutriamo. Il 98% del nostro corpo si rinnova ogni anno.
Ogni respiro rimette in circolo miliardi di atomi già riciclati nell’ultima settimana dal respiro di altri viventi, la nostra sopravvivenza dipende dallo scambio continuo.
Tutto è rinnovato, ogni momento, attingendo a quella fonte di materia ed energia che è l’Universo:pochi atomi determinano la costituzione del DNA, capace di trasmettere “la forma” degli individui di una specie. Come in una foresta, dove gli esseri viventi muoiono ogni giorno senza lasciare traccia ed il mondo vive nutrendosene, tutte le nostre molecole sono appartenute ad altri esseri viventi ed ancor prima a polvere di stelle, scomparse da milioni di anni.

Se la cellula espelle qualcosa, un altro organismo l’assorbe, tutto sparisce in meno di un’ora” (Lynn Margulis)

… Ogni essere vivente è come una bolla di ordine che si genera e si sostiene per qualche tempo in un mare di disordine. Quando parte è piccola e incerta; poi cresce e si stabilizza. Dopo una breve permanenza nel suo optimum e dopo aver dato inizio, se tutto va bene, a qualche altra avventura vitale, la bolla comincia a dare segni di instabilità ed entra in contrazione, funzionale se non strutturale. Infine finisce, progressivamente o di schianto. Nei secoli senza remissione…
(Edoardo Boncinelli)

Leonardo da Vinci, 500mo anniversario scriveva :La forza è la potenza spirituale, immateriale, invisibile, infusa nei corpi, che sono per natura a riposo, e in tutto ciò che è stato creato per cambiare forma e posizione.

Einstein :Spirito-materia: E = mc2
La materia è un serbatoio di energia e l’energia concentrata diventa materia.
Un atomo ha una duplice natura: onda e corpuscolo. (1924, Louis de Broglie).
“duality wave-corpuscule”.
Noi siamo una perfetta unità tra mente e corpo fisico. Viviamo in relazione permanente con due realtà, in reciproca interdipendenza in equilibrio precario. Parte indivisibile della natura, a sua volta popolata da un gran numero di entità soprannaturali con cui interagisce.La salute è Armonia: tra uomo, famiglia, gruppo sociale, valori culturali, ambiente religioso e ambiente naturale.

“Il visibile non è sufficiente per comprendere la realtà” (Quignard).

Il 23% dell’universo è costituito da materia oscura; 73% di energia nera. Il “materiale” che ci costituisce è il 4%. «Siamo solo un po’ di inquinamento» (Richard Panek).

Com’è fatto il 96% dell’universo? Non lo sappiamo. Il dubbio, lo spirito critico in fisica, biologia e psicologia è il solo metodo scientifico (Richard Feynman, Nobel per la fisica).

La luce è tutto. In uno dei suoi raggi, c’è il destino del mondo. I futuristi celebrano il campo magnetico. Tesla è il cacciatore che ha catturato la luce nelle sue reti, dalle profondità della Terra. «A Colorado Springs, ho impregnato la Terra di elettricità, possiamo diffondere l’energia mentale della musica di Bach o Mozart. Nella Terra ci sono energie di gioia, pace e amore che si esprimono attraverso un fiore, un cibo» (Nikola Tesla).

Nel Rinascimento, “relazione microcosmo / macrocosmo”, oggi, “sistema frattale”.
Energia Earmonica, il concetto matematico che  parte dall’osservazione dell’attività sensoriale e registra l’energia della forma. Sistema intermedio tra il pensiero-azione di un’entità vivente e la forma generata.

Quintessenza?
«Ciò che è essenziale nel regno della vita e che non appartiene alla chimica o alla fisica o qualsiasi altra cosa, è l’idea guida dell’evoluzione vitale. In ogni organismo vivente esiste un’idea guida che si sviluppa e si manifesta attraverso l’organizzazione. La vita non giace nelle molecole ma nei legami che esistono tra loro» (1865, Claude Bernard).
“Tieni la porta aperta sull’ignoto se vuoi progredire. La realtà non è ciò che ci sembra” (Carlo Rovelli, Uni Aix Marseille).

L’incertezza fa parte del processo di ricerca, incitamento alla conoscenza. Le nuove vere scoperte sono dal di fuori di ogni schema se non attraverso la Serendipità
Sincronicità: coincidenze insolite troppo ricche di significato da non poter essere casuali, trovano spiegazione nel modello olografico.“L’altra realtà può spiegare ciò che scientificamente è inesplicabile: fenomeni paranormali, sincronicità, coincidenze apparentemente ingombranti”  (Karl Pribram, Psychology Today).

Il nostro cervello immagazzina in un piccolo spazio. (280.000.000.000.000.000.000) duecentottanta miliardi di miliardi di dati, che registrano le nostre cellule cerebrali in una vita (John von Neumann).Lo spirito dell’uomo è un labirinto di circuiti funzionali sovrapposti, nel tempo e nello spazio quelli del percepito quotidiano, quelli in cui vengono create premonizioni, intuizioni di scoperte scientifiche (apparentemente oltre ogni logica).
Nel 1999, i fratelli Wachowski realizzarono un film “filosofico”: Matrix e Platone, con l’Allegoria di Platone della Caverna nella Repubblica. Socrate presenta un mondo con due livelli di realtà: il mondo sensibile (quello che vediamo) e il mondo intelligibile (che solo il filosofo può conoscere).La Matrice è l’illusione. Solo quelli che sono stati “scollegati” dalla matrice vivono nel reale, gli altri sono nella percezione illusoria. Coloro che vivono all’interno di Matrix non hanno mai visto il mondo reale al di là della loro percezione. Solo i filosofi possono accedere al reale, non si può lasciare la matrice senza essere eletti.
Nel 2014, Luc Besson ha scritto Lucy: un neurone, sei vivo. Due neuroni ti muovi.
Utilizziamo il 10% della capacità cerebrale per lavorare, imparare, socializzare.
Cosa succederebbe se arrivassimo al 100%?
1) controllo della cellula;
2) controllo degli altri;
3) controllo della materia;
4) controllo del tempo.

Una droga sintetica cristallina blu, CPH4 (6-carbossitetraidrotteriin sintasi) consentirebbe raggiungere il 100% è una molecola che la futura Mamma produce alla sesta settimana, in piccolissime quantità. Per un bambino sono le potenzialità.

«Tutto è determinato da forze che non controlliamo. Per l’insetto, per la stella. Che si tratti di esseri umani, verdure o polvere di stelle, balliamo tutti al ritmo di un’aria misteriosa suonata,in lontananza, da un suonatore di flauto invisibile».Chi “suona il flauto invisibile”?Passare dall’altra parte del capo.

L’uomo cattura i “sottoinsiemi”, parte della struttura.Ma tra i livelli, c’è la comunicazione, la circolazione delle informazioni, da un livello di organizzazione a un altro, che consentono di mantenere la struttura.Solo mantenendo la struttura generale dell’organizzazione, possiamo preservare quella di tutti i livelli. E la vita.
Il segreto dei segreti non è DNA: il DNA è una molecola stabile, da una generazione all’altra.La stabilità è l’opposto della reattività, necessaria per determinare il passaggio dal non vivente al vivente, dall’animale all’animato. Le “isole dell’ordine” sono quelle conquistate dal lavoro delle forze che costruiscono sistemi ordinati sempre più complessi. Dalle molecole di idrogeno, carbonio, ossigeno e azoto, alle molecole. Il trasferimento delle informazioni genetiche del DNA è il 5%.95% è stato considerato DNA «spazzatura», perché appariva come inattivo dal modello meccanico di interpretazione scientifica. L’emissione di biofotoni del DNA (antenna) dà Vita ai sistemi viventi come guida interattiva di segnali di informazione. Agendo in un sistema acquoso, irradiando biofotoni amplia i domini di coerenza attraverso sincronia di ponti ad idrogeno dell’acqua.

Comunicare è condividere informazioni (informare la materia).
Forma è ciò che un insieme aggiunge alla somma degli elementi che lo compongono: le relazioni.L’insieme di relazioni è la struttura. La produzione costante di energia (fotone solare), trasformata dalla fotosintesi in molecole chimiche, mantiene le informazioni, la struttura, la forma e l’organizzazione in un sistema aperto. Il mondo del nostro quotidiano.
Il mondo è complesso e interattivo. Un’intelligenza superiore ci arriva attraverso le nostre molecole e scaturisce dalla nostra partecipazione a un sistema più ampio
del piccolo mondo circoscritto che chiamiamo «io».Quando le molecole si fondono, è Armonia.
Il XV secolo in Italia fu il tempo dell’Armonia delle proporzioni di Vitruvio, del microcosmo inscritto in un macrocosmo, geometrico e genealogico (Luca Pacioli, De Divina Proportione).
Ma anche per Darwin, l’evoluzione progressiva (dai nostri antenati) a quella che chiamiamo umanità è l’esistenza di una intelligenza emotiva, sociale, la capacità di prestare attenzione all’altro, di sentire le emozioni dell’altro. La parte più nobile della nostra natura (la regola d’oro), l’aiuto che ci sentiamo obbligati a portare ai deboli è conseguenza dell’istinto di simpatia che aveva conosciuto nella “Teoria dei sentimenti morali”di Adam Smith, pubblicato un secolo prima.Per quanto egoista sia l’uomo, ha principi intrinseci che lo portano a interessarsi agli altri e lo rendono felice, anche attraverso la felicità degli altri. Simpatia, empatia, capacità ancestrale di condividere, vivere in sé emozioni, intenzioni, stati mentali espressi dagli altri.
I premi Nobel Sir John Eccles, Roger Sperry, Ilya Prigogine, Brian Josephon propongono di utilizzare il sistema nervoso per osservare dove operano le “energie spirituali”. Pensando sia in grado di interagire, non solo con l’aspetto materiale della realtà, ma anche con il suo aspetto spirituale. Una logica sembra presente nell’universo una coscienza intelligente è in grado di apprezzarne l’organizzazione e la sua armonia.
“Come uomo che ha dedicato tutta la sua vita alla scienza più lucida e allo studio della materia, posso dirvi, in conclusione della mia ricerca sugli atomi: non c’è materiale in quanto tale. Tutta la materia ha origine ed esiste solo in virtù di una forza che spinge le particelle di un atomo a vibrare e sostiene l’intero sistema atomico. Dobbiamo assumere dietro questa forza l’esistenza di una mente cosciente e intelligente. Questo spirito è la matrice di tutta la materia.» Max Plank, Firenze 1944

Più che ragionare sull’universo, si tratta di risuonare con lui, lasciando che la sua logica riecheggi con noi per scoprire un mondo senza separazione, un mondo di interconnessione in cui la vibrazione accompagna la materia, dove tutto è possibile, lo Spirito e la Materia formano una coppia unita e senza divorzio da 15 miliardi di anni.

“Nell’immensità spazio-temporale dell’universo, proviamo stupore e sperimentiamo la nostra piccolezza”. “L’eterno mistero del mondo è la sua comprensibilità” (Alberto Einstein).

“L’esistenza e l’intelligibilità dell’universo non sono frutto del caos o del caso, ma della Sapienza divina. Non bisogna mai aver paura della verità, né arroccarsi in posizioni di chiusura, ma accettare le novità delle scoperte scientifiche in atteggiamento di totale umiltà. Camminando verso le periferie della conoscenza umana, si può veramente fare una esperienza autentica del Signore”
( S.S. Papa Francesco, Specola Vaticana,12/5/17)

Harold J. Morowitz,biofisico americano, studioso della complessità e delle applicazioni della termodinamica ai sistemi viventi (“ La nascita di ogni cosa”), ha descritto l’evoluzione dell’universo, dall’atomo all’uomo, come Teilhard de Chardin.
La complessità della materia a ogni aumento di organizzazione esibisce nuove  proprietà. I fenomeni psichici, si manifestano a livello degli iper-complessi organismi viventi. Le unioni fra elementi in precedenza divisi creano realtà di livello superiore. La complessificazione della materia è iniziata subito dopo il Big Bang, con “leggi” potenzialmente inscritte nel fenomeno stesso.
Teilhard aveva previsto la nascita della NOOSFERA(un cervello collettivo, dell’Umanità) che con l’utilizzo di internet e delle comunicazioni satellitari, amplia le coscienze oltre gli orizzonti ordinari verso il PUNTO OMEGA, della convergenza evolutiva. Non possibile da realizzare sotto la pressione di forze comprimenti gli uni sugli altri. La sola forza di unione che possa far muovere l’Umanità verso il Punto Omega è l’Amore. Amore nelle sue molteplici manifestazioni: accoglienza, solidarietà, cooperazione, sostegno. L’umanità potrà salvarsi e svilupparsi mediante un processo di “amorizzazione” ( Teilhard de Chardin). Sola risposta all’ impossibilità di ricostruire il precedente ordine mondiale e l’attuale minaccia di un suicidio collettivo.
“Una sapienza di antica origine ci dice che ci sarebbero luoghi con qualità speciali che vanno oltre la sfera strettamente fisica, per collocarsi in quelle che potrebbero essere chiamate dimensioni” magiche “o anche” mistiche “. “Questi luoghi potrebbero promuovere (o ostacolare) certe funzioni biologiche, emotive o spirituali dell’essere umano, e quindi sono stati usati come luoghi di città e santuari, o usati per certi scopi terapeutici, cerimoniali e misteriosi”. (Umberto Cordier, Tellurismo)

DEMATERIALIZZAZIONE
L’energia circonda il corpo fisico e viaggia attraverso di esso. Le emozioni entrano nel corpo come neuro-peptidi. I destinatari “ascoltano” e mettono in risonanza. È allora che il “sé” comunica con il mondo. Grazie alla fisica quantistica, la scienza, nella sua grandezza e umiltà, diventa una scienza umana.Non c’è divisione tra corpo e mente, materiale e spirituale. La materia non è altro che la manifestazione momentanea dell’interazione di campi intangibili e privi di spazio. La più semplice azione biologica corrisponde a una sequenza ordinata di un gran numero di reazioni biochimiche, seguendo una successione temporale precisa e ad alta velocità. Un modello esplicativo basato su incontri casuali tra molecole non spiega l’ordine spazio-temporale delle reazioni.In un ambiente coerente, offerto dai domini di coerenza dell’acqua, le molecole si attraggono selettivamente sulla base di un codice di riconoscimento e richiamo, basato sulla somiglianza delle frequenze di oscillazione. Il codice funziona a lunga distanza, perché l’interazione è portata dal campo elettromagnetico.
Esiste dipendenza del livello chimico dall’aspetto elettromagnetico e viceversa.
La stabilità dinamica di questa struttura è a due livelli:
– chimico ed elettromagnetico.
La trasduzione meccano del segnale, trasformato dalla cellula in messaggi biochimici, dà origine a nuove proteine ​​e funzioni. Il cervello umano ha creato una stanza della musica, per ricevere e interpretare i suoni; ha creato un terzo della corteccia cerebrale, per formare un’immagine colorata del mondo.

Suono
Il suono originale è la vibrazione cosmica. Lo scopo della musica è l’emozione. La musica ha il potere di cambiare i nostri ritmi.

Sistema bioconduttore connessionale  (BCS)
Il senso dell’udito trasforma le onde meccaniche in segnali neurologici (senza mediatori chimici). Il corpo, nella sua “fisicità”, è una vibrazione dello spazio temporale che acquisisce una polarizzazione quando si ascolta una frequenza. L’orecchio rileva vibrazioni tra 20 e 20.000 Hz.
A livello della membrana e della proteina, i recettori della proteina “voltaggio-dipendente” della membrana cellulare fungono da trasduttori: il passaggio dei campi acustici modifica (temporaneamente) l’assetto elettrico delle membrane.
Risonanza Acustica
Il generatore di Suono attiva il meccanismo oscillatorio.
Il Corpo è risuonatore “oscillante” in accoppiamento con il vibratore primario attivante. Il nostro corpo è un’orchestra: ogni organo, tessuto, cellula, “suona” in armonia con l’insieme, espressione vibratoria coerente del Vivente.
Nulla è localizzato. Tutto è indeterminato, tutto è potenziale.

 

Fotoni
Il vivente emette luce, poca ma misurabile con le moderne tecnologie. Emissione ultra-debole (UW) dell’ordine di dieci/cento fotoni/sec per cm2 di superficie.
I biofisici e biologi molecolari russi Pjotr Garjajev e  Vladimir Poponin nel 1992, a Mosca , evidenziarono la capacità della doppia elica del DNA di modificare le proprietà fisiche di un sistema.Il DNA immesso in una regione di spazio  in cui era presente un campo elettromagnetico generato da un laser ha modificato la distribuzione spaziale dei fotoni. Tale cambiamento è rimasto anche dopo che il DNA usato è stato rimosso. I fotoni continuavano a comportarsi come se esistesse ancora una struttura in grado di dare loro un andamento diverso dalla casualità, un DNA fantasma. L’interazione elettromagnetica è dovuta a fotoni. I fotoni mantengono una connessione tra loro e partecipano alla creazione di un ordine ma il Principio Creatore non è intrinsecamente un principio di dipendenza che potrebbe essere qualificato nella dipendenza dalla fisica  fotonica?
Fisica ,biologia e cosmologia,i loro parametri sono impostati per favorire un’evoluzione del cosmo , andando nella direzione della vita possibile.
Leonardo aveva capito il fenomeno di propagazione della perturbazione senza trasporto di materia:le onde del mare. Onde, vibrazioni e oscillazioni sono sinonimi. La proprietà dell’onda di trasportare energia dalla sorgente nello spazio circostante, senza trasporto di materia è la radiazione (onda elettromagnetica o radiazione elettromagnetica).Quando un sistema biologico è investito dalla radiazione elettromagnetica, al suo interno si generano un campo elettrico e magnetico.
Il corpo umano è una struttura di parti eterogenee ognuna caratterizzata da parametri elettromagnetici (conducibilità, costante dielettrica relativa e permeabilità magnetica)
che dipendono dalla frequenza dei campi interni.Quando la materia biologica è sottoposta a un campo elettrico esterno, atomi e molecole neutre possono essere distorti nella loro configurazione. Gli impulsi elettrici raggiungono i diversi distretti corporei senza trasporto di materia (elettroni o ioni), ma tramite la propagazione della depolarizzazione della membrana cellulare, come onde in un mezzo.
La risonanza è la capacità del sistema di aumentare l’ampiezza di oscillazione in base alle frequenze, proprie di vibrazione.

 

Profumi

I Profumi traggono origine da una combinazione degli Elementi. Aria, acqua, e fuoco sono inodori e insapori. Assumono odori e sapori dalla ricchezza degli elementi che la formano: le parti aromatiche della Terra. Dalla materia alla luce. Attraverso il profumo è la conservazione del senso, in un continuum senza passato, presente e futuro. Le donne di Israele lo sanno, nella loro vocazione alla “memoria della loro origine”. Non nutrono, ma trasmettono, permettendo di riconoscersi attraverso le emozioni che passano dall’uno all’altro, che si sviluppano, che rispondono con un fenomeno di risonanza emotiva. Attraverso il profumo sentiamo quello che gli altri sentono.

Le neuroscienze descrivono il nostro cervello come sede di processi bio-fisico-chimici che causano pensieri e sistemi ormonali responsabili dei nostri sentimenti.

«La mente umana diventa un oggetto fisico grazie alle immagini mediche, è possibile localizzare le aree stimolate secondo le nostre azioni, i nostri pensieri. La vera cartografia cerebrale e la risonanza magnetica funzionale possono anche la nostra coscienza essere localizzata o proiettata su un’area corticale» (Hoftstadtter e Daniel Denett).

La Memoria, le diverse forme di Memoria, hanno un ruolo in tutte le attività umane e nel mantenere il sentimento del “sé”. La vita è costruzione, conservazione e progressione dei ricordi. La memoria, nelle sue diverse forme, è una “energia”, che obbedisce a varie frequenze. Per evocare l’insieme di “esistenze”, “oggetti”, “eventi”, che incontriamo durante la nostra vita. La memoria è esperienza (personale) derivante dall’attività elettrochimica delle reti neuronali del cervello, computer di grande potenza nella memoria, di grande complessità e sottigliezza nel «software» per regolare diverse attività sensoriali-motorie. Ma siamo davvero sicuri che questo sia il suo luogo di produzione? A livello degli assoni, la secrezione di neurotrasmettitori (molecole che trasmettono informazioni dopo impulsi nervosi), mette in gioco elementi, le cui masse sono infinitamente piccole e entrano nel dominio quantico.

L’entanglement, la rivelazione più sorprendente della teoria dei quanti:
la scoperta che due fotoni interagiscono nel mondo, in modo che le loro proprietà siano condivise. Una volta separate le particelle, anche in due parti opposte dell’universo, ogni azione eseguita su uno, mostra immediatamente, i suoi effetti sull’altro.
Il legame tra i due è come se due particelle gemelle si conoscessero e comunicassero
alla velocità della luce, generate insieme e separate alla nascita, rimangono con il cordone ombelicale, anche in luoghi opposti dell’universo.

Il “paradosso E.P.R.” Albert Einstein, Boris Podolsky e Nathan Rosen ha una velocità di interazione nettamente superiore alla velocità della luce. L’universo è un tutto inseparabile. Tutti gli atomi dell’universo, nati dal Big Bang e in relazione con la loro creazione in uno spazio e un tempo, sarebbero collegati con i nostri stessi atomi nel presente.
Magia? “due cose che sono venute in contatto in un certo momento, continuano a interagire tra loro anche se il contatto si è fermato”.La fisica moderna e lo sciamanesimo (che contempla l’esistenza e l’uso di mondi invisibili) convergono. Si dice che lo sciamano sia in grado di spostarsi da un universo all’altro trovare informazioni per mantenere l’equilibrio individuale e collettivo, che introduce nel mondo della realtà ordinaria.

Dalla fisica alla botanica per cercare la simmetria

La sequenza di Fibonacci 1.1.2.3.5.8.13.21 spiega la crescita dei fiori, delle conchiglie, della Vita.Il risultato è una spirale. L’ape ama la simmetria pentagonale del caprifoglio, la forma esagonale della clematide la struttura radiale delle margherite e del girasole.Il fiore che raggiunge una simmetria perfetta richiama più api e sopravvive nelle battaglie evolutive. Simmetria è comunicazione. Il numero delle spirali brattee su una pigna, su un ananas, sui rami di varie specie di alberi, sulla disposizione dei petali, ricorre con regolarità geometrica e numerica.

E’ la FILOTASSI.
I semi di un girasole sono disposti secondo l’angolo aureo; il numero delle spirali, in senso orario é un numero di Fibonacci e, in senso antiorario, il numero di Fibonacci successivo.La parte del fiore in cui avviene la crescita è l’apice, sul suo bordo i primordi, che si sviluppano fino a diventare semi, stami o foglie, nascono ruotando rispetto al precedente di un angolo 2pi teta.

Quoziente ½: olmo, tiglio, cedro, graminacee

Quoziente 1/3: faggio, nocciolo, graminacee, rovo

Quoziente 2/5: quercia, ciliegio, melo, agrifoglio, prugno, albicocco

Quoziente 3/8: pioppo, rosa, pero, salice

Quoziente 5/13: salice americano, mandorla
I quozienti corrispondono, con le note costituenti, alle triadi maggiori e minori dell’armonia tonale, la composizione di due intervalli armonici di terza, base della maggior parte degli accordi musicali.

ll ritmo biologico è un sistema oscillante nel quale eventi identici si producono a intervalli di tempo uguali. Il ritmo caratterizza tutti gli organismi viventi. Quello dei vegetali è il primo individuato: Linneo (1730) concepì il principio di un orologio, basato sull’orario dello sbocciare dei fiori.
A ogni ora corrisponde l’attività di fiori differenti. I fenomeni, a tutti i livelli di organizzazione, hanno carattere ereditario: non sono acquisiti dal singolo individuo a ogni generazione, ma fanno parte del patrimonio genetico di ogni specie  considerata.

do: 1/2 = ottava

sol: 1/3 = quinta + ottava

mi: 2/5 = terza + ottava (decima)

fa: 3/8 = ottava + quinta (undecima = quarta)

la bemolle: 5/13 = sesta minore + terza
considerati come frequenza in un’ottava : 2/1 è il DO,

3/2 è il SOL,
5/4 è il MI,

4/3 è il FA,

13/8 è il LA bemolle

(Francesco Epifani – Matematico)
Armonia, il ritorno dell’Età dell’oro, come all’epoca dei Medici a Firenze.
Nella scala dei colori cromatici, il rosso ,la nota del color più basso, corrisponde al do,
L’arancione al re, il giallo al mi, il verde al fa, il blu al sol, l’indaco al la, il viola al si (ti).

Musica e DNA
Lo studio nella ripetizione di moduli :i Nucleotidi come coppia di suoni

A  Do Re, G  Mi Fa, T  Sol La, C  Si Do .Ipotesi : ordine innato? Nella ricorrenza dei geni ridondanti. Le tre note fondamentali della scala musicale: la prima, la terza e la quinta, corrispondono ai tre colori primari rosso, giallo e blu.

Eliotropismo
Il movimento di organi vegetali che orienta le foglie o i fiori nella direzione del sole
(fototropismo, guidato da uno stimolo luminoso,  fenomeno tipico delle piante).
“… benché trattenuta dalla radice, essa di volge sempre verso il sole…”
(Ovidio, Le Metamorfosi)In una giornata di sole, l’intensità luminosa supera i 1000 microEinstein per m2 al secondo.

Photosystem II Subunit S è una proteina è presente in tutte le piante,per  segnalare la quantità di luce che raggiunge il pianeta. Se il livello di PsbS è elevato significa che non c’è abbastanza energia luminosa per realizzare la fotosintesi, innescando la chiusura degli stomi.

La Medicina del terzo millennio sarà indirizzata allo studio e alla ricerca dei rapporti di sinergia e interazione tra molecole (trasduzione del segnale) e i loro cofattori, nello svolgersi delle reazioni metaboliche che il nostro organismo raggruppa in sequenza.
Così come il livello di organizzazione elettromagnetico, insieme delle relazioni esistenti tra le varie unità energetiche ed informazionali sub-atomiche che insieme ne costituiscono la struttura,il nostro corpo è un campo energetico. La malattia è perdita o squilibrio tra le energie, la terapia è ricerca di un migliore uso dell’energia.

Occorre un concetto che superi, armonizzando, le regolazioni multiple: il “segreto dei segreti”, un sistema regolato che, ricevendo un’informazione dall’estero, cambi il livello di regolazione del sistema stesso. Il «segreto dei segreti» : AMORE

http://www.la-torre.it/bioelettromagnetismo

https://www.etnopharma.com/product-page/atar

https://www.etnopharma.com/product-page/asfar

https://www.etnopharma.com/product-page/opium

https://www.etnopharma.com/product-page/elektron

https://www.etnopharma.com/product-page/phos

https://www.amazon.it/Musica-risonanza-fra-Dio-lUomo/dp/8826419973

https://www.etnopharma.com/product-page/le-piante-della-luce